Silenzio…

Ehi, cosa ne dici di condividere:

Banalmente, come al solito ascolto una canzone.
E' Another Day dei Dream Theater, e il testo mi sta rendendo triste, molto triste…
Sto pensando a come noi, il genere umano, si sia evoluto in quello che siamo oggi. Al di là delle varie polemiche che potrebbero scatenarsi, ci sono guerre, sangue che scorre, armi che potenzialmente potrebbero spezzare in due il pianeta, altre che potrebbero annientare la nostra razza.
Ed io mi chiedo se possa essere giusto tutto questo. Ognuno di noi ha ricevuto in dono una manciata di tempo durante la quale può fare di sè ciò che meglio desidera, amare, essere amato, creare, distruggere o stare in silenzio ed ascoltare ciò che il mondo gli offre. Sembra che ormai nessuno ascolti, o ami. C'è solo chi vuole essere amato senza dare nulla in cambio o che vuole distruggere, poco importa se oggetto del massacro sia lui stesso o il mondo in generale.
Quanto rimane è la fine. La fine di un bene che ci è stato prestato.

Mio.

Solo una parola che non significa molto. Attribuisce la proprietà di un oggetto, ma solo temporaneamente, in quanto allo scadere del nostro tempo questa “proprietà” subisce una transizione verso chiunque altro ne entri in possesso.Dunque una guerra per conquistare, arricchirsi o eliminare un problema, nn risolve la situazione, ma solo la ritarda, e soprattutto non porta soluzioni definitive, perchè ciò che non farà un padre lo potrà portare a termine il figlio.

Rispetto.

Una parola di cui ci ricordiamo poco spesso. Basterebbe che ognuno sfruttasse il suo piccolo tempo per fare qualcosa che lo renda felice, e che il suo spazio non venisse continuamente invaso da altri, e come loro anche noi potremmo rispettare lo spazio di tutti quelli che ci stanno attorno.
Se bastassero dei sorrisi a cancellare il male forse non ci sarebbe la guerra;se un altro giorno verrà, aprirò per primo gli occhi per vederlo; se avessimo il cuore di un bambino sapremmo ancora perdonare; se volessimo tutto sarebbe più bello.
Se fossimo ancora in tempo…basterebbe volerlo.

vostro attila…

Ehi, cosa ne dici di condividere:
attila
attila
Descriviti... e cambia la tua password!

Autore: attila

Descriviti... e cambia la tua password!

3 pensieri riguardo “Silenzio…”

  1. Ancora nessun commento?Eppure secondo me questo è un’articolo che merita..Qui c’è tanta gente che vuole
    dire la sua e un po’ meno che ha voglia di leggere e
    commentare quello che scrivono gli altri,ma l’avevo
    già notato da un po’ di tempo..peccato,peccato che
    sia passato quel bel momento in cui si registravano
    103 135 letture,9 15 commenti!!!
    A dire il vero quello di questo articolo lo ritengo
    un argomento troppo grande per me e anche se ci
    sarebbero tante cose che vorrei dire al proposito..
    ma alla fine sono solo impressioni personali..
    e le tue mi piacciono particolarmente Attila!

  2. Beh, mi fa piacere!
    E’ stato veramente, solo lo sfogo di un istante, un unico, lunghissimo istante, mentre la musica scorreva nella mia mente, una lacrima è scesa come pioggia.
    Ed il mio cuore è esploso. Certo, per un grave ed enorme problema, che io, solo, non posso risolvere… Ebbene, questo è quello che volevo condividere con voi…

    Grazie dell’attenzione…
    Sono felice che qualcuno condivida il mio pensiero…

  3. io per leggere ho letto, ma non sapevo sinceramente cosa scrivere come commento, anche se l’avrei fatto volentieri…

    cmq sono contento che tu vicky abbia voluto commentare, davvero…

    c’è da rianimare il sito, ed ho bisogno di voi, di tutti per farlo, con articoli, commenti e tutto quello che vi viene in mente! eddai!

Rispondi