Sistema di statistiche per FB

Ehi, cosa ne dici di condividere:

Facebook è una vera droga. Un ottimo social network, il migliore in assoluto fino ad oggi e con molta probabilità anche negli anni a venire.
Ma piano con le previsioni e con gli azzardi perchè un qualsiasi imprevisto può sempre cambiare le carte in tavola…

Oggi parliamo di 2 nuove applicazioni che si diffondono esponenzialmente, come sempre, a macchia d’olio all’interno di FB (di amico in amico): “Stats Pro” e “Facebook statistiche”.
Ecco perchè la loro installazione mi lascia leggermente dubbioso…

Forse pensare che ci sia sempre qualcosa di losco dietro le applicazioni di Facebook non è il modo migliore di affrontare la vita. Ma certo è che Facebook vive di statistiche, dei dati insomma che maturano dalle visite di ciascun utente. Provate per esempio a controllare l’indirizzo delle pagine che visitate nel portale: tutte i vostri click sono dati preziosi per FB, per conoscere tutti i vostri usi ed abitudini di navigazione, dati utili per la gestione degli sponsor interni e esterni.

Ora vedo questi applicativi sviluppati in esterno che promettono, dopo la registrazione di 5 amici (COME MI PUZZA!!), di inviare via email i dati di navigazione degli utenti che vengono sulla vostra pagina e che in qualche modo interagiscono con il vostro profilo.
The long story short. In soldoni, a mio modestissimo parere queste applicazioni prima di tutto non hanno alcuna utilità. Seconda cosa, il vincolo dei 5 amici registrati mi sa tanto di farsa (non sono sicuro che sia in qualche modo verificabile con semplicità che i 5 amici iscritti provengano da noi), e poi già dalle prime parole nella descrizione dei 2 applicativi, sembra che ci siano già alcune frasi di scusa nei confronti degli utenti perchè il servizio sembra non funzionare correttamente.
Beh, poi forse mi sbaglio e tutto quanto detto poco fa dovrò rimangiarlo… ma prendete sempre in considerazione il concetto che nessuno fa niente per niente
A voi la scelta…
Ehi, cosa ne dici di condividere:
edoluz on Emailedoluz on Facebookedoluz on Linkedinedoluz on Wordpress
edoluz
edoluz
MARKETING & COMMUNICATION SPECIALIST at Viva Group
Di solito semplicemente "Edo", sono nato nel 1984: il 28 dicembre per l'esattezza. Un giorno molto vicino a Natale.
Amo scrivere, fare radio, internet, tutto quello che è innovazione digitale e il mondo delle startup.
Dopo 10 anni ad occuparmi di marketing, nel 2017 ho ridato vita al mio Blog "Edoluz.it", arricchendolo anche con i miei podcast.
Per maggiori informazioni su di me consultate la mia pagina LinkedIn e quella Facebook.

Autore: edoluz

Di solito semplicemente "Edo", sono nato nel 1984: il 28 dicembre per l'esattezza. Un giorno molto vicino a Natale. Amo scrivere, fare radio, internet, tutto quello che è innovazione digitale e il mondo delle startup. Dopo 10 anni ad occuparmi di marketing, nel 2017 ho ridato vita al mio Blog "Edoluz.it", arricchendolo anche con i miei podcast. Per maggiori informazioni su di me consultate la mia pagina LinkedIn e quella Facebook.

2 pensieri riguardo “Sistema di statistiche per FB”

  1. I gruppi come quelli qui da te descritti esistono su FB da anni ormai..hanno solo uno scopo…far iscrivere più gente possibile e sperare che gli iscritti abbiano l’indirizzo e-mail visibile a tutti per lo spam listing.
    Fino a poco tempo fa gli indirizzi e-mail erano poco gestibili e difficili da celare in alcuni casi, ora tutto è cambiato ma i gruppi del genere rimangono.

  2. Tengo a precisare che il post non è mio, ma è firmato a mio nome. Edo che succede? E che fine ha fatto il login?

    Per quanto riguarda l’articolo, aggiungo che non servono certo applicazioni aggiuntive per sfruttare i propri preziosissimi dati che Facebook raccoglie: lo fa già dal momento che ti iscrivi.

    Consiglio qualche lettura:
    http://www.telegraph.co.uk/finance/newsbysector/mediatechnologyandtelecoms/4413483/Networking-site-cashes-in-on-friends.html

    http://netsourcer.blogspot.com/2009/02/facebook-chi-paga-il-conto-noi.html

    Senza inutili paranoie e catastrofismi, è il caso comunque di farci qualche riflessione…

Rispondi